mercoledì 6 luglio 2016

DEFUNTO FRESCO (BELGIRO DI MARZO)





Triste e malinconico
‘e ‘na nutizia cunfermata,
è muorto ‘o frisco,
abbruciato ‘e tanta sole,
‘e foglie chiagnane
‘e ‘na morte già venuta,
a fronte… du penziero
caccia lacrime ‘e surore,
‘o sole ‘s ‘n fotte
se a gente stà brucianne,
haimè ricordando il tanto fresco,
ha dato tanto ‘e benedetta confermata,
a pace che cià date,
‘o sole rire ‘e sputa fuoco
abbrucianne tutt’ ‘o riesto
che stà a tuorno,
tenera frescura che ci aje lasciato
stò vicino ‘o lietto ‘o capezzale,
‘t veco e ‘t chiagno, ‘t tengo
int’’o core ‘e tu… nun ‘m può
lassà,
ricurdanne ‘e ‘na storia che haje
cuntato, tu tien’ nu frato assaje
luntano,
‘o ffrisco d’Amazzonia, tra foglie
alberi ‘e tanta ombra,
mò che haje mise ‘e scelle ‘e staje
‘n cielo,’na parola a lu Signore
cià può fa,
‘nu piccolo trasferimento…
du ffrisco d’Amazzonia.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento