mercoledì 6 luglio 2016

DACCA[PO] di CESARE MOCEO


E ripetevano a mo di filastrocca all'unisono
"dai ragazzi che qualsiasi viaggio comincia sempre
col suo primo passo
e fa divenire ogni giorno
il giorno migliore"
Trame sfiorite d'instancabili fiati
ora gemono nei corpi ormai morenti
a esalare l'ultimo respiro
di soffocati sentimenti
nel perdono concesso
in quell'attimo di paura
che ha aperto il cuore
e fermato la vita
E così è fuggito
"questo reo tempo"
portandosi appresso
tutto quel che avean sognato
.
cesaremoceo
Proprietà intellettuale riservata
Copyright

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento