venerdì 29 luglio 2016

COCE (BELGIRO DI MARZO)




Uocchio apierto ‘cu ‘na forza
mentre ‘o sole stà bruciann’,
coce ‘ncapa, é ‘na furnacia,
mentre a forza s’alluntana,
io barcollo ma nun me mollo,
sbacchetteo cumme ‘o folle,
‘na calendra tutta é fuoco
manche fosse miezi juorno,
cerco ‘o frisco é nun ‘o trovo,
manc’ a chianta a tene l’ombra,
sta friscura nun ritorna
mentre ‘o suonno s’arriposa,
tengo é braccia a peso é chiummo
mentre a capa sura ‘nfronte,
stò durmenno a uocchio apierto
mentre ò sole s’allerea,
troppa luce é ‘o fuoco ardente
m’ha fregato stu mumento.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento