martedì 21 giugno 2016

SERE D'ESTATE (MAYA CAU)


Sere d'estate,
sere dal sole cocente,
vento caldo di scirocco
sfiora la pelle arsa
e ruvida di salsedine.
Antiche emozioni
riemergono da tiepide acque
complice il sole.
Accarezza la mente
quel ricordo.
Mani che cercano,
sfiorano, trovano.
Cuori che ansimano
più non reggono il desiderio.
Riflessi sulle acque,
silenzi interminabili
rubano baci, e ancora baci
scambiati su cumuli di bugie
poi abbandonate
su battigie solitarie.
Ora osservo in solitudine
rossi tramonti ,
cascate di raggi dorati
come fuochi d'artificio
calano a picco sul mare
e sul mio cuore adolescente
di sogni
Maria Cau
D.R.L633/1941

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento