mercoledì 15 giugno 2016

LA VIOLENZA (MND GIUSEPPE CAPORUSCIO)

Branco de lupi che nun cià rispetto
attorno a 'na cerbiatta disperata;
la faccia spinta addosso a 'na ferata,
cor còre che galoppa drent'ar petto.
In croce, su 'na trappola asfartata,
botte senza pietà e da quer visetto,
er sangue ammisticato co'rossetto,
imporpora 'sta notte incatramata.
Tanfo de bestie e un fiato arivortante
aggraveno er tormento a quer dolore
che la sconquassa e brucia, devastante.
E doppo 'na tortura ch'è infinita
l'anima mòre in braccio ar “Dio Rancore”
pé n'antra donna ch'è segnata a vita!
Giuseppe Caporuscio.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento