martedì 14 giugno 2016

INDIFFERENZA (ENZO DI GIOVANNI)

Poi il ramo si schiantò
cadde a terra e rovinò
con il vento che fischiava
d’arroganza e s’infiltrava .

L’odio è un gran tiranno
porta solo grande danno
non ci sono più velieri
ne pirati e condottieri .

Lo sopporto solo a sera
quando è brezza di riviera
che m’accarezza il cuore
e mi fa sognar d’amore .

E allora volo in cielo
sereno senza un velo
per cantare alla luna
di speranze e di fortuna .

Ma lei nemmen mi guarda
la sua punta un alabarda
che mi fa ferite al cuore
pien di noia e malumore .

Tanto fredda e irriverente
lei è sorda e neppur sente
che dentro ho buon umore
tanta verve e nuovo ardore .

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento