venerdì 24 giugno 2016

ALMENO TU NELL’UNIVERSO (BELGIRO DI MARZO)

Ho chiamato e sperato un ritorno d’amore,
quel ricordo lontano e non cancellato,
quell’impronta visiva ha segnato il mio cuore,
quei giorni felici tra i banchi di scuola,
quando una mano di tenera età
solcava la mia con carezza velata,
mentre s’udiva pulsare nel sangue
con ritmo veloce la forza dei cuori,
‘nu galoppo ‘e cavallo curreva ‘p cuollo,
‘cumme a ‘na furia s’aizava rampante
era ‘na seria ‘e cianci d’ammore
speranne ‘o ritorno da bella figliola,
‘cu ‘nu dito signavo stu nomme ‘p cielo,
tentanne ‘nu santo ‘e ‘nu miraculo dato,
almeno tu che patron dell’universo
giostraio di noi umili terreni,
ho scritto nel cielo il nome di lei,
sperando il ritorno richiesto da me.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento