domenica 26 giugno 2016

‘A PALOMMA (BELGIRO DI MARZO)




Comme a ‘na palomma
si scappata,
‘t appuoje, m’addure
‘e ‘o prufumo ‘t si pigliate,
‘nu vestito a festa, comme
‘o sciore ‘e vita ‘m so ‘ngriccato,
chien’ ‘e culure so ‘mpastato,
ormaje è na storia do passato,
vulavi chianu chiano a scelle aperte
facenne ‘e capriole int’ ‘o cielo,
girave, ‘t caputave e ‘m guardav’,
era ‘nu saluto da luntano,
si vulata ‘e nun tuorne cchiù
palummella ‘e gioventù,
‘t canto ‘na canzona a sciore janco,
‘cu ‘na chitarra, ‘o piffaro ‘e ‘nu gruosso
chianto.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento