mercoledì 25 maggio 2016

VITA DE MARE (MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO)

Sur viso cotto ar sole, ar sale e ar vento,
più rughe che onne pé quer pescatore
ch’arinnaccia ‘na rete e conta l’ore
p’annà a remà frammezzo ar firmamento.
Lo sciabbordìo ner battito der core,
je cunnola ‘na testa ormai d’argento
e j’adddorcisce er pianto ner tormento
de ‘na burasca che nun fà rumore.
La mente vola a ‘na campana a morto
e a lagrime de madre e moji a lutto
pé dù regazzi mai tornati in porto.
Da allora ancora aspetta dù lampare,
ma quanno che la notte smorza tutto
s’anninna e le rincontra in braccio ar mare!
Giuseppe Caporuscio
(Mind)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento