mercoledì 11 maggio 2016

VECCHIO CARCERATO (MIND CAPORUSCIO GIUSEPPE)


Pé via de la Lungara, a prima sera
er sole tigne er carcere de fòco,
le rondini svolazzeno pé gioco
né l'aria intrisa da la Primavera.
Un omo s'è invecchiato a poco a poco
deretro a 'na ferata de galera;
pé quela donna che nun fu sincera,
er pentimento sfoga fioco, fioco.
Lo sgaro in tempi antichi era un peccato
e cor palosso ar posto der Vangelo
se vendicò der sogno suo spezzato.
La notte viè pietosa e stenne un velo
su li ricordi dé quer carcerato
che finarmente evade… p'annà in cèlo.
Giuseppe Caporuscio
(Mind)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento