sabato 7 maggio 2016

SABBATO D'ATTESA (MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO)

Sabbato notte; e come l’artre vorte
l’aspetti sempre sveja sur barcone
cercanno de scaccià có la raggione
l’ansia che artija ar petto e strigne forte!
Scène de strade e de lamiere storte,
viste e ariviste a la televisione,
metteno in core 'na disperazzione
che sfiata in aria un alito de morte.
Lui balla in discoteca e tu all’Inferno.
Mentre te scioji in mezzo a st’agonia
chiedi che te l’assista er Padreterno.
Poi finarmente, pure pé stavorta
tutte le pene se ne vanno via
cor giro de 'na chiave né la porta !
Giuseppe Caporuscio
(Mind)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento