martedì 31 maggio 2016

RITORNO (CONCETTA TARTAGLIA)

Le rondini 
nell incanto 
di note e papaveri rossi
ritornano.
Tra siepi coperte di fiori
ronzano le api
e le farfalle giocano
con il lieve vento,
tra la pioggia e il sole.
Cammino da mattino a sera
e ogni cosa è odorosa..
come se fosse una festa.
Tutto si risveglia,
eppure tutto sonnecchia
e le chiome degli alberi
appaiono occhi ,
che fissano stupito il cielo.
Le strade spruzzate di verde
sono immobili e lisce
e i volti della gente
sono girasoli aperti
al chiaro di luna ,
Lei che sola lassù
cerca le sue stelle
nelle acque del mare .
I sogni timidi spuntano
nell aria allegra ,
mentre la vita scorre leggera
e il cuore riposa.
In questo tempo
l anima cambia voce ,
diventa un richiamo lieve..
un eco ingannevole.
Dentro di esso ombre
e giochi di sole,
antichi ricordi ,il pensiero
di un amore vibrante ,
di labbra baciate
da frutti maturati
nella ridente terra.
Risorta ..nascente ,
eppure antica..
la primavera d alberi fioriti
e preziosi profumi....
altro non è che vita.
Concetta Tartaglia
30- 05-2016

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento