lunedì 30 maggio 2016

‘O VAS’ FANTASIUSO (BELGIRO DI MARZO)


‘O vaso è puisia, ‘s legge ‘n mocca
‘e ‘n coppa ‘o musso,
nun è tristezza se ‘o smacchete
è fatt’ ‘o vero,
è n’energia elettrizzante ‘e fulminante
‘ca ‘t piglia sull’istante,
‘na vocca ‘n coppa a n’ata,
‘o labbro fa risucchio,
‘o core sbacchettea, comme a ‘na festa
‘e musica sunat’ a ‘nu cuncerto,
quanne a fantasia accumincia
nun ce stà tiempo ‘p fenì,
chiove ‘o esce ‘o sole,
‘o vas’ nun penza… ca passa l’ora,
a notte ‘e ‘o juorno nun fa rumore,
ma int’ ‘o core…. è nu burdellone.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento