domenica 15 maggio 2016

N’EMIGRANTE (BELGIRO DI MARZO)




Na jurnata scura che
‘o tiempo m’ha vuluto,
chiove ‘e pare notte
senza ‘o sole ‘e senz’ a luna,
io suspiro ‘e nustalgia
‘cu ricordo ‘e chella luce,
manc’ ammore da jurnata
comme fosse già scappata,
mo ‘m perdo a stà luntano
senza ‘o core ‘e l’abbraccià,
quanne penzo a luntananza
io ‘m sento n’emigrande,
senza figli ‘e chella ‘llà
io nun pozzo cchiù campà,
manca ‘o sciato figlio sole
mo m’ammoscio figlia luna,
mamma luce ‘s ne ghiuta
st’emigrante è già partuto.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento