sabato 14 maggio 2016

L'EDEN IN NOI (GIORGIO BISIGNANO)




Trasuda il mio cuore
su nubi di velluto
divenute lacrime di sangue
nel cingere il tuo corpo
sfiorando le tue grazie.
Stupenda creatura
dagli occhi grandi
come l’infinito mare dell’amore
di bellezza pura e gaia
ammanti l’immutata sfera.
Poni fine al delirio
di cui son schiavo
che dell’intelletto
e spiritualità mi priva
e accende il fuoco della carne
e su di te si china
ad invocare passione carnale
che con fiamma lenta mi divora il core.
Resto ancor muto all’incanto del tuo sorriso.
Dolce anima vedo in te
il rifiorir della primavera,
l’incanto del mattino,
il nascere d’una nuova alba nel mio destino.
Intorno a te la danza delle ninfe
dei boschi che ti fan da schiera.
Ed allora mi prostro al tuo candore.
Ed or
Palpita ancora di più il mio cuore
in un sublime vortice
ritrovando L’Eden
nel cingere l’anima tua
così innocente,luminosa
e pura.
14-05-2016
Giorgio Bisignano
(Foto web)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento