lunedì 30 maggio 2016

L'ANGELI UMANI (MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO)

Nun c’è maestro ar monno, né studente;
ce só solo esperienze da scambiasse,
ma er bello sta ner nú risparambiasse
o nun girasse e fa l’indiferente.
C’è chi cìa drento ‘na cammera a gasse,
j’amanca er fiato e mòre lentamente
ma sta a chi cìa ner core un “Dio Vivente”
slongà ‘na mano indove po’ aggrappasse.
L'angeli a vorte nun ce l’hanno l'ale
e nun l’incontri a caso le persone,
ma pé un disegno ch’è trascendentale.
Sta tèra amico è tutta un ospedale,
ma ognuno de noiantri all'occasione
pò esse medicina a quarche male.
Giuseppe Caporuscio
(Mind)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento