martedì 31 maggio 2016

LACRIME DI DONNA (DANIELA MORESCHINI)

Nun conosco quer viso
che dietro 'na maschera de cera
annisconne la disperazione sua
Nun sembreno perle de ruggiada
quelle che scenneno dall'occhi
so' lacrime de sangue
che me fanno gelà er còre;
lacrime de regazzine
appena in boccio
che vengheno vennute
ar mercato lurido der sesso
Ommini piccoli e 'nzoddisfatti
che zozzeno co' le mani e li penzieri
quei bianchi corpi
ancora immacolati
Ommini ipocriti
che metteno la maschera
de bravi padri de famijia
e de li matrimoni so' modelli
Quanno che ve baciate
quell'angioli de fiji
nun ce penzate mai
a quelle criature
comprate pe' la strada?
Che le tue lacrime
de regazzina innocente
possano affogà l'ommini
ch'ancora useno le donne.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento