martedì 24 maggio 2016

IL TRENO DELLA VITA (MAYA CAU)


Questa è la poesia che ha ricevuto la
menzione di merito al concorso
internazionale di poesia
Madonna dell'arco.
IL TRENO DELLA VITA
Ho scritto tutto
sulla lavagna del cielo.
Non piangere anima mia,
sono tristi questi giorni
in cui non vorresti più vivere,
nel pregnante spazio che divide
vita e morte ci contempliamo,
ci analizziamo.
Siamo come alberi nudi in pieno
inverno, spogli di tutto e increduli
a nuove fioriture.
Nel nostro piccolo esistere passa
e fischia forte il treno della vita.
Giunge al cuore amplificato
mille volte, il suo fischiare lacera
il vitreo tessuto dell'aria e sconvolge i sensi. Non si odono lamenti,
la sofferenza è subdola, come chiodo
arrugginito.
Il dolore ,sempre presente, mai stanco,
si espande nel petto come una forte
emorragia, annientando ogni volonta'.
Scorre sempre la vita, e qui,
innanzi a me, ogni ombra mi parla,
mi commuove e fa sgocciolare
dagli occhi lacrime di fango.
Ho sempre viaggiato dal buio alla luce
con il tempo avverso, a volte amico.
Si cresce...e son cresciuta,
si diventa saggi quando le arterie
s' induriscono, le gambe cedono,
lo spirito diventa leggero e l'anima
mette le ali e vola lontano, e
finalmente è la fine.
Maria Cau
Diritti riservati all'autore
31/12/2015

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento