giovedì 5 maggio 2016

ER CINEMA CASTELLO (RENATO FEDI)

Si ciaripenzo a ‘e serate ar Borgo
me s’arigonfia er petto de ricordi,
ciarrampicavamo ar camminatore,
quello ‘ndove scappaveno li Papi
pe’ rifuggiasse, s’ereno assediati,
a Sant’Angelo, ch’era ‘na fortezza.
Ce s’arrampicava perché de sera
er cinema Castello era a l’aperto
e noi, che nun ciavevamo i sordi,
anniscosti ner budello, a gratisse
e magara ‘n pochetto scommodi,
potevamio gustasse lo spettacolo.
Eravamio regazzini fatti ‘n strada,
cresciuti senza li danni e le paure
de ‘sta società ch’adesso è storta;
chi ce penzava che salì ‘e finestre
era pericolo, era sortanto ‘na sfida,
‘n gioco a fasse granni tra de noi.
Quanno ciaripasso lì pe’r Borgo,
‘n’occhiata ar cinema me scappa
e puro si mo nun ce fanno firme
ma ce s’ariunnischeno li studenti,
er core mio se libbera ar galoppo
e sbatte come si m’arrampicassi.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento