lunedì 23 maggio 2016

DA 'A PORTA DE 'A VITA (RENATO FEDI)


‘Sta società mo core pe’ traverzo,
anzi, sta a discesa ripida, ‘o giuro,
ciaschiduno se ‘a pjia a suo verzo
puro si corenno sbatte su ‘n muro.
Ve dico ch’amancheno ‘e regole,
si a quarcuno je dai er bonggiorno
arrischi che se guardi si dattorno
ce sia ‘n antro o si ‘o dichi ar zole.
Er monno rimbarzella tra cafoni
cormi d’oro appeso ar collarino,
d’oche rinate cor santo botulino
e frotte de gnomi senza li cojoni.
Tra li cristiani c’era ppiù rispetto
a li tempi de quann’ero regazzino,
me potevo abbracciallo er vicino,
pe’ lui nun era certo faje dispetto.
Mo, arivato a ‘a porta de ‘sta vita,
dico grazzie a come l’ho passata
e spero d’aritrovà lì, all’adunata,
‘n po’ de 'a creanza ch’è sparita.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento