lunedì 9 maggio 2016

CIO' CHE SONO (MARISA AMADIO)




Non varco quest'ingresso
dal tempo che ancora c'eri.
Lo faccio a capo chino
come penitente
di una prolungata assenza.
Non è solo per ricordare
qui trovano simmetria
i miei pensieri.
Non riesco a pregare
tra i cipressi stanchi
di vegliare solo morte.
Tu sei con me
in ogni cosa bella
che questa vita mi dona.
Ma solo qui
l'eco dei miei passi
nel respiro leggero
dei giganti silenti
mi rammenta ciò che sono.
maris@amadio
09/05/2016
(fotoweb)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento