giovedì 26 maggio 2016

BARBONE PE’ SCERTA (MIND GIUSEPPE CAPORUSCIO)


Croste de zella e stommico d’acciaro
arubbo a la monnezza un ber ricordo,
‘na boccia pé insognamme quarche sòrdo,
dù stracci e pandecèlo, spesso amaro.
Però, si me consenti, fratercaro,
pure si er monno è perfido e balordo
nun so' lo schiavo d'un padrone ingordo
e manco ladro, pappa o cravattaro.
Ciò er varzente a la banca der barbone
e ciò in saccoccia l’Universo intero
co’ un soffio d’aria calla e co’ un cartone.
Nisuno m’ha mai fatto priggioniero
co li sordi, cor voto o un illusione.
... So matto, dichi? Si, ma ne so’ fiero !
Giuseppe Caporuscio
(Mind)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento