sabato 7 maggio 2016

ASPETTANNE ‘NA ‘NFRASCATA (BELGIRO DI MARZO)




Aspiette quanne l’onna
‘t rinfresca,
‘ncoppa ‘o scoglio ‘n mieze
‘o mare,
‘na nfrascata ‘e aria fresca
mentre ‘o sole sta scarfà,
gira ‘o cuorpo tuorn’ tuorno
comme ‘o pullo ‘ncoppa a vrisa,
‘t si fatta nera nera…senta a puzza
‘e già bruciat’,
ma si bella tropp’ assaje,
pure se… si spellacchiata,
chillu sole l’haje scagnato
par’ a luna int’ a nuttata,
comme a stella luce ‘n cielo
tu si stella ‘n miez’ ‘o mare,
io ca varca ‘ncopp’ a ll’onna
m’avvicino chianu chiano,
‘nu suspiro voglio fa, mentre
a schiumma ‘nfrasca a te,
si a sirena ‘e tu ‘m cante
chill’ammore… è ‘p me,
io ‘mbriaco ‘e sole ‘ncapa
veco a essa ‘ncoppa ‘o scoglio,
è ‘o miraggio ‘e l’alto mare
è nu scorfano arrenato.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento