sabato 28 maggio 2016

ANTONELLA CARMEN GATTO

Cosa ho mai chiesto
di tanto costoso
che schiavo di una
inutile coerenza
non mi hai dato?
Ho chiesto al tuo cuore
e ai i tuoi pensieri
di poterli custodire
nella mia anima,
ed al tuo sguardo
di venire con me
nel breve viaggio
dalla notte al giorno.
Ho chiesto alle tue mani
di riservarmi carezze per
alleviare il dolore delle cadute
e di essere appiglio
per potermi rialzare.
Se avessi chiesto un fiore
solo un fiore...
Antonella Carmen Gatto 28 Maggio 2016

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento