lunedì 11 aprile 2016

IL ROSETO (MARTA GIACCAGLIA)




Poi vedrai
non avrai più freddo,
l'inverno si confonderà
con l'imminente estate
e sarà tutto perfetto.
Nell'aria c'è già
un canto d'usignoli
il merlo fischia
e la rondine è sul tetto.
Dimmi che
il roseto è in fiore
è tanto che l'attendo
quello sbuffo di colori
e il profumo dolce
che m'inebria il pensiero.
Mi confondono gli aromi,
l'odore dei lillà
e i verdi prati
ricoperti di magherite
e i mazzi di felicità;
ce ne deve essere uno
preparato per me da Dio
se riesci a vederlo
raccoglilo al posto mio.
Sarà l'inizio
della primavera
il tripudio della natura
la rinascita di un cuore
che scioccamente
non dispera.
Marta Giaccaglia

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento