domenica 6 marzo 2016

EPPUR, SEPPUR (HORION ENKY)



Eppur ci sarà qualcosa di buono,
tra un giorno nuovo che nasce
e uno vecchio che muore,
la speranza s’aggrappa al futuro
di un giovane cuore.
La vita è come il fumo di una sigaretta
si dissolve con l’ultimo respiro esalato
lasciando il suo acre odore tra le mura
saturate di memoria,
ma che con il passare del tempo
diventano inevitabilmente
sempre più evanescenti,
per chi le andrà a dimenticare.
Ci sarà, seppur ci saranno sogni chiusi
dentro di un cassetto,
eppur il sole nasce sempre all’alba di un domani.
L’anima cammina inseguita dal cuore,
i chiodi e le croci non la fermano,
mentre il corpo materiale diventa polvere
e si disperde sulla nuda Terra
quando muore.
Eppur, seppur la vita sia quella che vivi
sarà alimenta dai battiti del cuore
con i quali vieni ripagato in attimi d’amore.
Horion Enky

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento