lunedì 11 gennaio 2016

TI OSSERVO (ALESSANDRA PEZZATI)

Ti osservo
sembrano trascorsi anni
da quando ho lasciato nel tuo sguardo il mio.
Da quando 
ho sfiorato il tuo volto
illudendomi di poterti avere
ancora una volta.
Sembra impossibile
che tu sia la stessa persona,
che il ricordo di noi
tu lo abbia confuso
con chissà quale altro.
Tutto di te
sembra chiedermi
chi sono
cosa voglia
da te
dalla tua vita.
Quella vita che avrei accettata
seduta su una panchina,
attendendo che tu arrivassi,
come quando
rubavamo al giorno
frammenti di vita
che mi consentivano
di essere bella
radiosa
unica,
è solo per te.
L'illusione era compresa
ma non
i silenzi
gli sguardi evasivi
l'indifferenza,
l'assenza di te
improvvisa nella mia vita.
Ne le parole
scritte
per te,
ne le lacrime,
ne questo dolore
che mortifica
la mia anima,
ti sfiorano.
Tu non hai mancanze,
tu non hai attimi
di vuoto
nella tua vita,
vorrei che anche tu provassi
questo vuoto
fatto di niente,
questo sentirsi inutile
e dimenticata
come un libro iniziato
a leggere
e dimenticato
su un tavolo della tua soffitta.
È inutile
che tu possa
comprendere
quanto
mi manchi.
A.P.B. ®©11.01.2016

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento