martedì 27 ottobre 2015

'A VICCHIARELLA MIA (VINCENZO MESSINA)


Povera vecchia mia addò si' ghiuta
sulo'e ricorde tuie, stanne cu' mmè
vulesse, sì vulesse turnà areto
pe' te tenè' astrignuta mpietto a mmè.
Comme sò' fesso sì..songhe'nu scemo
quann'o putevo fà'..nunn'o facevo
forse èra 'o scuorno' o' èra 'a timidezza
io t'abbracciavo sulo co' pensiero.
E 'mò, chistu pensiero ca me struje
chesta malincunia ca me fà male
'na tarla ca 'stù core me spurtosa
cu''st'ossessione, io nunn'arreposo.
E' me sulleva sulo'stù pensiero
ca pò' nunn'è pensiero mà è certezza
'o juorno ca fernesce 'o viaggio mio
''sti vase mie.
Mammà....te' porto ngielo.
Vincenzo Messina

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento