lunedì 27 aprile 2015

COME AQUILE (LUIGIA DI SABATINO)


Anche se non so chi sei,
ne cosa fai, dimmi, perché sospiri nei tuoi affanni,
voglio sapere cosa ti sostiene dentro,
e con quanta energia stai superando
tutto ciò che ti ha fatto toccare il fondo.
Ascolta il mio cuore... è pieno di paura,
dammi la forza per combattere me stessa,
rassicurami nelle notti, e vigila il mio sonno,
desidero abbracciare e vivere un sogno
senza le brutture di questo nostro mondo.
Dimmi in quello a cui ancora credi..
dimmi se la bellezza della vita e l’armonia,
sono fonte di luce, di gioia e d'amore,
avvolgimi di quel coraggio che mi manca,
dammi quelle risposte che da tempo cerco.
Solo allora abbandonerò per sempre
quel gelido inverno delle notti alle mie spalle
là dove i lupi ululavano in un pianto straziato,
e... fioriranno nuove parole
che prenderanno il posto ai miei giorni vuoti.
Quel buio sentiero, insieme a te lascerò per volare liberi,
come aquile maestose, sempre più in alto nel cielo infinito,
superando immacolate vette,
dove in quel silenzio fatto di pace,
il canto delle nostre anime... con te ascolterò.
Diritti intellettuali e di pensiero
riservati all'autore ©
foto reperibile dal web

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento