giovedì 26 marzo 2015

CANTO DI GIOIA (AGNESE GIALLONGO)

Stridio di gabbiani,
sulla rena umida
la mia storia
agli scogli narro,
in un cantico lento.
Vaga lontano
il mio sguardo,
un luccichio
sulla vetta
e lungo i pendii,
ancora un po'
di neve sulle colline
e magiche stelle alpine.
Gorgoglia lontano
un ruscello,
in una melodiosa
canzone d’amore
mi perdo,
canta di gioia il cuore mio.
Agnese Giallongo
Ag@

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento