mercoledì 26 novembre 2014

OLTRE I CONFINE DEL MARE (il libro di Marco Ambrosi)

Che scrivere sia un fatto visibile, è noto, prima diamo un'occhiata e poi leggiamo, ma quando il nostro sguardo cade su un testo di marco ambrosi, restiamo intrappolati e come ipnotizzati, ci capita di leggere e rileggerlo; degno di scrupolosa lettura, per una più attenta analisi, come in questo testo: "estremo Da lontano vedo l'estrema sorte che avidamente spero di te, immagine di passione acerba che menti alla mia mano ogni volta che di te sogno il peccato giornaliero." alla ricerca continua di quel mistero che la donna le propone, innamorato forse, più di quella attesa che fà palpitare e sognare il momento bramato: "vorrei i tuoi capelli mentre seduta, guardi l'orizzonte e spazzolare ogni pelo del tuo corpo torcendoli con le dita uno ad uno". decisamente passionale e innamorato della figura femminile, mai discontinuo nell'elogiarla e stringerla teneramente nel suo abbraccio: "canzone per un amica da quando ti vedo sorridere nel tempo lentamente dimentico il suono della tua voce quel particolare vibrante dal tono francese è bastato poco per toglierti la voglia di vivere un attimo regina di una corte suprema dove non mi è più concesso un bacio" in quell'abbraccio quasi convulso, forse per comprendere più se stesso e la sua istintiva dedizione al mondo femminile. e le sue poesie, ne sono la prova, sono la ricerca continua alle sue domande, al suo fremito che senza sosta lo spinge al sogno e nello stesso tempo a confessarlo. "e sopra ogni cosa il tuo splendido corpo e labbra eloquienti calamite dal perfido suono dove mi perdo". capita, a volte, di leggere dei suoi testi criptati, come se la sua voglia di farsi decifrare, sia impellente, come il gioco preferito di un bambino fondamentalmente solo nell'animo. ma marco, non è solo questo, ho avuto la gioia di intervistarlo, scoprire così, la parte più sensibile di questo bravo autore, racconta la morte, la sofferenza, urla l'emarginazione e si dedica senza risparmiarsi nel sociale. sposato, padre di tre figli, rincorre la sua fantasia sin da adolescente, capace isolarsi a lungo nel suo silenzio e vivere così, creando immagini e storie che solo i suoi occhi possono vedere. avendo partecipato in vari concorsi, possiamo trovarlo in molte antologie. e ora finalmente, un libro tutto suo e per non smentire il suo cuore, ha deciso di donare il ricavato.... marco ambrosi, le basta poco, uno sguardo, una carezza, per donare tutto il meglio di se stesso.
(prefazione: paola bosca)

info: ass.irumoridellanima@gmail.com

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento