mercoledì 26 novembre 2014

GITANA (HORION ENKY)


Scrivo una poesia d'amore per te,
sulle musiche di zingari,
che danzano sensuali balli, 
in una notte di luna piena.
Ubriaco d'amore, sono di te, mia bella gitana,
dai lunghi e setosi capelli, di nero corvino
che, maliziosamente,
fai scivolare, sfiorando il mio corpo
con suadenti carezze
e provocandogli fremiti
di desiderio travolgente e di mera passione.
I tuoi occhi risplendono
delle stelle del cielo, traboccanti d'amore.
Vaso scoperchiato di Pandora,
dove perdere mi voglio, in tutti i suoi vizi tentatori.
Donna ancestrale,
onda del mare in cui io,
come arenile, da te mi lascio cullare.
Bello il tuo corpo, di Venerea natura
che, al pari di lei, nasci dalla spuma,
mia perla di cui, il corpo abbronzato, vieni a me donare.
Tu sei poema, poesia scritta tra le note.
A me, tu sei arrivata,
in una notte di luna piena, mia bella gitana.
Horion Enky

1 commento:

Lascia il tuo commento