mercoledì 29 ottobre 2014

O MARE (SPADERA GIUSEPPE)


Sto assettato ca, 'ncoppe
e scoglie,
pe parlà nu poco co silenzio 
e stu mare,
ca calmezza che stasera
sul' isse tene.
E dondolànnese
rint' e braccia soje,
sti barche fanno nu tintinnìo,
comme a signà o tiempo
e na sinfunia,
che regala nu poche e pace rint' all' anema.
Stu mare è nu munno
che nu 'nze perde,
all' orizzonte re penzieri,
addò a libertà, chiusa 'mbietta a troppe tiempo,
trova tutto o spazio
che le serve,
pe s' ammusurà ca grandezza e l' anema
e chiù va luntano, chiù libbera se sente.
È nu pezzullo e cielo,
addò s' astipane e ricorde 'cchiù belli
e ogni vota che vulimme verè,
basta che ce' arapimme
o core
e respiràmme nu poche
e frischezza,
ro prufume suje.
È a vita che ce' abbraccia
a' sembe,
na boccata e libertà che cuntagia l' anema
e nunne putimme fa 'cchiù
a meno,
è o culore che ce culora
a vita,
è a musica che ce fa cantà,
è a strada, p' addò passa tutto o munno
e pe chi vene ca, Napule,
è nu miraggio che fa sunnà,
a 'uocchie apièrte.
È chillu suono e mandulino,
che se spanne c' addore
e mare,
pe na cartulina che vence,
pure a corza ro tiempo,
è l' Ammore che s' è fatta
a casa
e nun' nze n' è 'gghiute 'cchiù.
Giuseppe Spadera
2 agosto 2014
( Trad. IL MARE )
Sono seduto qui, su questi scogli,
per parlare un pò, col silenzio di questo mare,
con quella calma che stasera solo lui ha.
E dondolandosi tra le sue braccia,
queste barche fanno
un tintinnìo,
come a segnare il tempo
di una sinfonia,
che regala un pò di pace
nell' anima.
Questo mare è un mondo
che non si perde,
all' orizzonte dei pensieri,
dove la libertà, chiusa
nel petto da troppo tempo,
trova tutto lo spazio
che le serve,
per misurarsi con la grandezza dell' anima
e più va lontano, più libera
si sente.
È un pezzettino di cielo,
dove si conservano i ricordi più belli
ed ogni volta che desideriamo vederli,
basta che apriamo il cuore
e respiriamo un pò
di freschezza,
del suo profumo.
È la vita che ci abbraccia
da sempre,
una boccata di libertà che contagia l' anima
e non possiamo più
farne a meno,
è il colore che ci colora
la vita,
è la musica che ci fa cantare,
è la strada dalla quale passa tutto il mondo
e per chi viene qui, Napoli,
è un miraggio che fa sognare,
ad occhi aperti.
È quel suono di mandolino,
che si diffonde con l' odore del mare,
per una cartolina che vince,
anche la corsa del tempo,
è l' Amore che qui ha messo su casa
e non è più andato via.
Giuseppe Spadera

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento