domenica 21 aprile 2013

TRASPARENZE DI GREGORIO COSTA.

In controluce, osservo ciò che, diretto, occhio non vede e lo spazio di vuoto, nel pensier mio, tosto scompare. (G. Costa)

POE. 324

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento